Day 15 : lun. 3 gennaio 20119


Ancora splendide montagne in escursione da El Chalten: la base del Fitz Roy


Se le attenzioni di ieri erano tutte per il Cerro Torre oggi dobbiamo andare a vedere l’altro grande monolito che campeggia nel versante nord del Parco de los Glaciares, il Fitz Roy, per vederlo bene occorre spendere 4 ore di camminata ed andare alla Laguna de Los Tres, cosa che facciamo con vero piacere. La giornata presenta qualche velatura ma è sostanzialmente bella. Lui, l’amico Fitz, invece ha la testa nelle nuvole e la scopre a malapena per qualche istante. Tutte le altre guglie che si ergono intorno sono invece ben visibili e si riesce ad apprezzare bene anche la sua enorme parete con le due creste che creano una parabola culminante verso il cielo. A differenza del Cerro Torre, questa montagna possiede invece una via normale che risulta un po’ meno difficile delle altre. Un altro spettacolo viene offerto dalla vista sul lago Sucia, che si trova al fondo di un anfiteatro di rocce e raccoglie acqua e ghiaccio provenienti da un ghiacciaio pensile sopra di lui. Mentre scendiamo facciamo una digressione di un’ora (andata/ritorno) per vedere il ghiacciaio Piedras Blancas, anch’esso a tuffo nel lago sottostante. Per “l’ultima cena” finiamo con una bella bistecca al Bistro ed un caffè al Patagonicus, gestito dalla simpatica figlia di Cesarino Fava. Suo padre è stato il promotore della prima ascensione al Cerro Torre e lei ha scelto El Chalten come sua dimora. Il ristorante è un vero e proprio museo delle avventure e scalate organizzate in questa zona. Del resto Fava è probabilmente più famoso del villaggio, senza El Chalten non esisterebbe affatto o si sarebbe sviluppato ben dopo.


    Pernottamento:EL CHALTEN - Hotel LAS PIEDRAS